Physalis Alchechengi

L'Alkekengi (chiamata anche alchechengi o alchechengio) è una pianta perenne e sia per il nome sia per l'aspetto è tra le piante più originali, e le sue bacche (alkekengi) sono commestibili. Appartiene alla famiglia delle solanacee, come ad esempio i peperoni, le patate, i pomodori e molti altri ortaggi, ma il frutto di questa pianta si mangia come una ciliegia, una volta tolto dal suo involucro. Vista la grande somiglianza dei fiori con piccole lanterne viene chiamata volgarmente Lanterna Cinese.

Indice dei contenuti

  1. Varietà della Physalis Alkekengi
  2. Caratteristiche della Physalis Alkekengi
  3. Habitat della Lanterna Cinese
  4. Come coltivare la Lanterna Cinese?
  5. Cure della Physalis Alkekengi
  6. Proprietà della Physalis Alchechengi
  7. Dove comprare la Lanterna Cinese?

Varietà della Physalis Alkekengi

Esistono centinaia di varietà di questa specie, qui sotto puoi trovare due tra le più belle e importanti.

Physalis peruvianus: la sua origine è del Sud America, ma si trova anche in Italia in diverse regioni, dal nord al sud. Cresce in un habitat al di sotto della fascia montana e il suo periodo di fioritura è tra maggio e luglio. Il suo nome prende il nome dal paese d'origine, il Perù.

Physalis ixocarpa: la sua origine è Messicana ed è una pianta rustica e annuale. Il suo fusto è eretto, a cespuglio e i suoi fiori sono piccoli e gialli con una macchia scura al centro. I suoi frutti sono piccoli e sferici, di colore verde chiaro, e sono inseriti all'interno di un involucro. Questa pianta è molto facile da coltivare , si coltivano praticamente come i pomodori. I suoi frutti vengono cotti a vapore, fritti oppure utilizzati per creare salse come il Chili.

Caratteristiche della Physalis Alkekengi

Il fiore ha una forma del tutto simile alla classica lanterna cinese. La pianta infatti viene ricordata spesso per la particolarità dei suoi frutti. Il suo involucro inizia a svilupparsi intorno al seme alla fine della stagione estiva. I fiori crescono prima di colore verde e man mano che si sviluppano diventano arancioni. Nella stagione invernale, invece, diventa secco e frusciante iniziando a disfarsi pian piano, e al suo interno è facile intravedere delle bacche giallo/arancio. Questa pianta, nel linguaggio dei fiori simboleggia l'inganno. In Italia ha vari nomi; lanterna cinese, bombolino, chichingero, ciliegine, vigenze, vescicaria.

Questa pianta cresce anche su terreni collinari, può raggiungere quote fino ai 1000 mt di altitudine, nei campi incolti, in luoghi umidi e con terreno calcareo. È una pianta decorativa ed è facile vederla crescere nei giardini. Il fusto di questa pianta è legnoso ed eretto, è alta circa un metro e le sue foglie sono ovali e verdi. In un clima preferibilmente umido può vivere dai 3 ai 10 anni, i fiori sono piccoli e a forma di campanella e i calici arancioni sono di consistenza simile alla carta. Durante il processo di maturazione i sui frutti sono inseriti all'interno di un involucro prima verde e poi rosso/arancione, sono bacche sferiche di colore rosso e contengono molti semi, che si possono raccogliere tra il mese di agosto e il mese di settembre.

Il suo nome deriva dal greco “fusalis” (pieno d'aria), in riferimento al suo calice floreale che all'inizio è piccolo, verde e successivamente si gonfia e diventa rosso vivo. Nel medioevo veniva utilizzato nelle "officine" cioè in laboratori per l'uso farmaceutico, in erboristeria, liquoristica e profumeria grazie alle sue proprietà omeopatiche.

Habitat della Lanterna Cinese

Si estende principalmente nei terreni calcarei dell’Eurasia (Europa y Asia). Il terreno per la crescita della pianta è quello a medio impasto, non deve essere troppo ricco di sostanze organiche e soprattutto deve essere ben drenato. In natura questa pianta cresce spontanea e il suolo in cui cresce non sempre è ricco di nutrimento, per questo motivo, quando è coltivata in cattività, ha bisogno di un apporto di humus maturo da aggiungere al momento dell'impianto o della semina, ciò aiuta lo sviluppo della pianta. L'habitat ideale è quello dei boschi umidi con molte zone ombreggiate. Da evitare assolutamente i terreni poco drenati; il terreno ideale per questa pianta dovrebbe avere un valore di pH prossimo alla neutralità.

Come coltivare la Lanterna Cinese?

Prima di tutto scegli dei frutti sodi, sani e di colore uniforme (non devono avere nessuna macchiolina o sfumatura), dopo di che conservarli in frigorifero per circa due giorni avvolti in un panno. Che sia coltivata in vaso o in terra, non va mai piantata o tenuta completamente all'ombra e bisogna stare molto attenti alle gelate. Come per le altre piante della stessa famiglia è importante concimare bene il terreno. Bisogna fare una concimazione di fondo con stallatico sotto al letto di semina. Il terreno andrebbe arricchito ulteriormente durante la fase vegetativa, se si vuole aumentare la produzione, in particolare apportando del potassio.

Se la pianta viene coltivata in un orto o in un giardino è importante ricordarsi che d'inverno la pianta scompare, quindi è necessario inserire una piccola canna nel sito dove era stata piantata, perché in primavera la pianta rigenererà nuovi germogli. Per quanto riguarda il rizoma, andrà protetto durante l'inverno con uno spesso strato di pacciamatura, essendo una pianta molto vulnerabile al gelo.

Per quanto riguarda la coltivazione in vaso, bisogna acquistare dei semi o prenderli dal frutto stesso. In questo ultimo caso, rompere il fiore e rimuovere i semi con una pinzetta, dopo di che pulire e asciugare i semi. Il periodo ideale per seminare è il periodo febbraio/marzo; il seme deve essere seminato in un vasetto sotto una campana di vetro. Nel mese di maggio la pianta appena nata va spostata in un vaso più grande. Sia per il primo che per il secondo vaso va usato del terriccio calcareo o permeabile, ricco di torba.

Cure della Physalis Alkekengi

La pianta deve essere concimata ogni 15 giorni, con concime liquido che favorirà la produzione dei fiori. La Physalis Alkekengi appassisce con i primi freddi, quindi va tagliata mente il rizoma rimane vivo e germoglia, deve essere annaffiata abbondantemente durante il periodo caldo, soprattutto se è esposta in pieno sole, in modo tale che il terriccio non si asciughi troppo. Le innaffiature devono essere diminuite nel periodo invernale. Per assicurare un buon drenaggio per la pianta in vaso assicurarsi di inserire nel fondo un po di ghiaia o dell'argilla espansa. Non sono necessarie potature particolari; è importante però ripulire le foglie vecchie a fine stagione. La raccolta dei frutti si effettua nel periodo tarda estate/autunno quando i frutti sono ben maturi e dolci.

Proprietà e benefici della Physalis Alchechengi

I frutti di questa pianta contengono molta vitamina C e hanno varie proprietà: diuretiche, depurative, antireumatiche ed antinfiammatorie, vengono usati anche per abbassare la febbre. Una ricerca universitaria di circa 20 anni fa ha scoperto che questi frutti contengono una sostanza antagonista del recettore estrogeno, perciò vennero utilizzate (e lo sono tutt’ora) per trattare vari tipi di malattie ormonodipendenti, normalmente vengono anche utilizzati in cosmesi in quanto hanno un effetto tonico e rivitalizzante per la pelle. Per quanto riguarda l'uso alimentare dell'Alkekengi, può essere mangiato crudo come frutto, in insalata o nei dolci. Si possono preparare anche sciroppi, confetture, succhi e gelatine. I frutti possono anche essere conservati sott'aceto o con alcool.

Dove comprare la Lanterna Cinese?

Se stai pensando di comprare una pianta già cresciuta e sviluppata, la migliore opzione è cercare nei vivai più grandi. Sicuramente avranno qualche bella varietà di questo fiore. Il prezzo può variare abbastanza: se hai intenzione di coltivare tu stesso la tua Physalis, nei vari negozi di giardinaggio sarà facile trovare i suoi semi, mentre su internet esistono molti negozi online che li vendono a un prezzo accessibile e li consegnano direttamente a casa tua. Cos'altro si può volere da questa pianta? È bellissima e facile da coltivare.

Ti potrebbero interessare anche: