Titan Arum

Il suo nome scientifico è Amorphophallus Titanum chiamato anche il Fiore Cadavere; questo immenso fiore si trova in una sola area geografica, in Indonesia, precisamente nell’Isola di Sumatra. Si tratta del fiore più grande del mondo, ma questo non è l’unico record che possiede, infatti è anche uno dei fiori più maleodoranti. I tuberi di questa pianta, nei paesi di origine, sono considerati commestibili e vengono mangiati. In campo erboristico e medicinale da questi tuberi viene estratta una sostanza chiamata glucomannano, praticamente una fibra alimentare che ha proprietà sazianti e dimagranti e viene usata per curare l’obesità e la dispepsia, con prodotti naturali.

Indice dei contenuti

  1. Habitat del Titan Arum
  2. Caratteristiche del Titan Arum
  3. Coltivazione della pianta
  4. Moltiplicazione della pianta
  5. Terreno e annaffiatura
  6. Dove comprare l’Amorphophallus

Habitat del Titan Arum

Il suo habitat naturale lo si trova nelle foreste pluviali dell’Isola di Sumatra, nel settore occidentale, dove cresce su ripide colline ad un’altitudine che va dai 120 ai 360 metri sul livello del mare. Questa pianta predilige una posizione semiombreggiate, in luoghi riparati dal vento in quanto teme il freddo. Lo si può vedere anche in molti orti botanici e tra i più famosi troviamo il Giardino dei Semplici di Firenze, The Botanic Garden di New York, a Londra al Kew Gardens, nel Mount Lofty Botanic Garden di Adelaide in Australia, al Palmengarten di Francoforte in Germania, nel giardino Botanico Wilhelma di Stoccarda in Germania e in altri Giardini Botanici sparsi nel mondo.

Caratteristiche del Titan Arum

Questo fiore è il più grande in assoluto al mondo, infatti l’altezza della foglia è arriva fino a 7 metri, la circonferenza della brattea fino a 3 metri, l’infiorescenza fino a 2 metri e il tubero arriva a pesante fini a 75 chilogrammi. Il fiore più alto di questa pianta è arrivato a raggiungere un’altezza di 3,5 metri. La pianta non fiorisce sempre, infatti tra una fioritura e l’altra possono passare vari anni ma lo spettacolo è sempre mozzafiato. Nasce dal suolo un grande bocciolo e si sviluppa molto velocemente fino ad arrivare alla fioritura dove il fiore si apre al massimo della sua dimensione. L’infiorescenza consiste in una struttura a forma di petalo “spathe” con una punta a fiore “spadice” e tutto cresce su un gambo robusto che è altro tra i 25 e i 35 centimetri. Il petalo assomiglia ad una campana rovesciata dove l’esterno è di colore verde pallido e, quando si apre, le pareti sono color cremisi. Il fiore emerge da questo petalo ed è a punta e sulla parte superiore il colore è giallo-marrone. I fiori maschi e quelli femmine si trovano nella parte inferiore, protetti dal petalo ed i maschi crescono sopra i fiori femmine che una volta impollinati sviluppano dei frutti rosso vivo che crescono in grappoli cilindrici lunghi fino a mezzo metro. La foglia può arrivare fino a 5 metri d’altezza ed ha dimensioni gigantesche tanto da sembrare quasi un piccolo albero anziché una foglia. Come dicevamo non fiorisce spesso, infatti di solito tra una fioritura e l’altra passano circa 5-6 anni e il fiore muore presto, di solito dura 3 giorni, al massimo una settimana. Questo fiore si chiama anche “fiore cadavere” in quanto quando sboccia ha un odore molto forte e disgustoso come l’odore di carne marcia. Questo odore attira le api che fungono da impollinatrici, infatti la pianta le cattura e le tiene dentro di sé fino a che non raccolgono tutto il polline per poter produrre i semi.

Come coltivare la pianta

Logicamente non ci è possibile coltivare questo tipo di pianta in casa o in giardino, visto le dimensioni, ma esistono delle specie più piccole che si possono coltivare abbastanza agevolmente, in questo caso prendiamo in considerazione l’Amorphophallus Konjac per la coltivazione. Questa pianta ha la necessità di essere coltivata in un terreno con un ottimo drenaggio e che sappia trattenere acqua dove appoggia il rizoma. Per il drenaggio del suolo la terra deve essere miscelata con sabbia di silice o, se in vaso, bisogna creare un letto di corteccia di pino alla base di circa 4 centimetri. Il terreno non deve mai essere del tutto asciutto, ma è necessario anche impedire che si creino ristagni d’acqua e il suo pH deve essere tra 5 e 6,5, quindi acido. Non deve contenere troppe sostanze nutrienti. La temperatura dove cresce questa pianta non deve mai scendere al di sotto dei 15°C e non deve superare i 30°C, quindi se la pianta viene coltivata in una zona a clima rigido, bisogna spostarla in un luogo caldo; ciò è importante perché questa pianta in inverno si mette a riposo vegetativo per qualche mese e fiorisce durante l’estate. Quando fiorisce, la prima parte che spunta è la sua unica foglia; la pianta va assolutamente tenuta alla luce, ma non alla luce diretta dei raggi del sole, infatti nel suo habitat naturale vive all’ombra di altri alberi, quindi prende luce indirettamente. Sia la foglia che il fiore che nasce hanno bisogno di umidità elevata, quindi è buona norma vaporizzarli con acqua ogni giorno per mantenerli umidi. Quando fiorisce è necessario avere una temperatura costante intorno ai 27-28°C, qualsiasi cambiamento improvviso di temperatura porta la pianta a perdere sia il fiore che la foglia. Quando la blattea è completamente asciutta è consigliabile tagliare il gambo del fiore vicino al substrato ed una volta che la fioritura si conclude, bisogna tenere la pianta a riposo per 4 o 5 mesi ad una temperatura non inferiore ai 15°C, in modo da consentire uno sviluppo ottimale per la prossima fioritura. Se la pianta viene coltivata all’esterno la sua posizione ideale è vicino ad uno stagno di acqua dolce.

Amorphophallus Konjac

Titan Arum

Moltiplicazione della pianta

Può essere moltiplicata per seme o per rizoma. E’ comunque sempre meglio farlo per rizoma in quanto i semi hanno bisogno di parecchio tempo per poter germogliare e le piante possono impiegare fino a 20 anni per fiorire. Per rizoma: Alla fine del riposo invernale prendere un pezzo di rizoma (già con radici) di circa 20 centimetri e inserirlo in un altro luogo a circa 10-15 centimetri di profondità. La temperatura deve essere mantenuta a 25°C e l’umidità deve sempre essere alta. A questo punto bisogna curarla come una pianta già esistente e se la divisione del rizoma è stata fatta alla perfezione, l’infiorescenza di questa nuova pianta si otterrà nello stesso momento in cui fiorirà la pianta madre. Per semi: I semi devono essere presi da frutti maturi e seminati subito ad una profondità di circa 15 centimetri in un terreno sciolto e areato, una volta fatto questo è meglio coprire il vaso con plastica forata (in modo che possa respirare) e tenerlo ad una temperatura di circa 25°C sempre con elevata umidità. Dopo circa un anno inizia a germogliare e i fiori si otterranno tra i 15 e i 20 anni successivi.

Terreno e annaffiatura

Questa pianta predilige terreni molto ricchi e soffici composti da torba, letame e poca sabbia per aumentare il drenaggio. Il vaso in cui va messa questa pianta deve avere la dimensione del diametro tripla rispetto al rizoma, dopo la fioritura bisogna ricompattare il terreno intorno al rizoma. La pianta va rinvasata ogni 2-3 anni e le annaffiature devono iniziare appena la pianta mostra i primi germogli. Va annaffiata solo quando il terreno è troppo asciutto ma evitando eccesso d’acqua, altrimenti il ristagno farà marcire le radici. Quando la foglia appassisce è meglio non annaffiare fino alla prossima primavera e durante i mesi freddi è possibile dissotterrare il rizoma e conservarlo in un luogo asciutto e temperato fino alla primavera successiva.

Quando la pianta è nel periodo vegetativo è necessario utilizzare un concime NPK (Azoto, fosforo e potassio) per piante verdi, vanno benissimo quelli liquidi che si trovano anche al supermercato. Tenete presente che la concimazione è essenziale per le piante coltivate in vaso, e sarà anche opportuno sostituire il terriccio durante la fase dormiente della pianta in modo da somministrare le giusti dosi nutritive. Quando nasce la prima foglia il concime dovrà essere dato ogni 10-15 giorni, sempre mescolato all’acqua di annaffiatura.

Qui sotto puoi vedere un fantastico video in time-lapse della fioritura di questo gigante.

Dove comprare l’Amorphophallus

Se stai pensando di comprare una pianta già cresciuta e sviluppata, la migliore opzione è cercare nei vivai specializzati e più grandi della tua cittá, sicuramente avranno questa pianta. Per comprare i semi potete rivolgervi a vari negozi di fiori e piante specializzati in piante esotiche, ma vi avvertiamo, difficilmente si troveranno. Il prezzo può variare abbastanza a seconda della specie. Su internet esistono molti negozi online che vendono le piante a un prezzo accessibile e le consegnano direttamente a casa tua. Cos'altro si può volere da questa pianta? È bellissima, facile da coltivare ed è perfetta per creare un ambiente esotico.

Ti potrebbero interessare anche: